Milano
info@beinwork.it

Agevolazioni e incentivi fiscali

Nell’ assumere personale attraverso la L. 68/99 un’ azienda può usufruire di alcune agevolazioni in relazione al tipo e al grado di disabilità.
Assumendo una persona con disabilità, la cui invalidità è superiore al 79% o se appartenente alla 1°, 2°, 3° categoria di guerra e tramite contratto di lavoro a tempo indeterminato, l’ azienda potrà usufruire di uno sgravio pari al 70% del costo medio di un lavoratore per una durata di 36 mesi ( 3 anni ). Assumendo, invece, una persona la cui invalidità è compresa tra il 67% e il 79% o è appartenente alla 4°, 5°, 6° categoria di guerra e tramite contratto di lavoro a tempo indeterminato, è prevista un’ agevolazione per l’ azienda pari al 35% del costo medio di un lavoratore e per una durata di 36 mesi ( 3 anni ).
Un altro tipo di agevolazione è prevista per le aziende che assumono disabili psichici ( sia che si tratti di una disabilità intellettiva o mentale ), si tratta di un’ agevolazione pari al 70% se si assume la persona con un contratto di lavoro di tipo determinato di 12 mesi o di tipo indeterminato e, infine, la disabilità psichica deve essere pari o maggiore del 46%

tabella agevolazioni L.68/99

Con la Circolare dell’ INPS n. 99/2016 sono stati introdotti altri benefici, che si aggiungono alle agevolazioni, utili per riqualificare l’ ambiente lavorativo dell’ azienda ( es.: l’ acquisto di un ascensore, l’ installazione di uno scivolo per le carrozzine, ecc. ). In questo modo è possibile abbattere i costi del lavoratore con disabilità anche del 100 %.
Le concessioni di benefici legate alla domanda di agevolazioni verranno corrisposte direttamente dall’Inps ai datori di lavoro mediante conguaglio nelle denunce contributive mensili. I contributi potranno essere richiesti anche dai datori di lavoro privati che, pur non essendo soggetti agli obblighi della legge 68/1999, procedano all’assunzione a tempo indeterminato di lavoratori disabili. La domanda per l’incentivo è inviata all’INPS, che entro cinque giorni fornirà comunicazione sulla effettiva disponibilità di risorse per l’accesso all’incentivo. In favore del richiedente opera una riserva di somme pari all’ammontare previsto dell’incentivo spettante e al richiedente è assegnato un termine perentorio di sette giorni per provvedere alla stipula del contratto di lavoro. Entro il termine perentorio dei successivi sette giorni lavorativi, il richiedente ha l’onere di comunicare all’INPS, con procedura telematica, l’avvenuta assunzione. In caso di mancato rispetto dei termini perentori, il richiedente decade dalla riserva di somme operata in suo favore, che vengono conseguentemente rimesse a disposizione di ulteriori potenziali beneficiari. L’incentivo è riconosciuto dall’INPS in base all’ordine cronologico di presentazione delle domande cui abbia fatto seguito l’effettiva stipula del contratto di lavoro e, in caso di insufficienza delle risorse a disposizione, l’INPS non prende in considerazione ulteriori domande fornendo immediata comunicazione anche attraverso il proprio sito internet. L’incentivo è riconosciuto dall’INPS in base all’ordine cronologico di presentazione delle domande cui abbia fatto seguito l’effettiva stipula del contratto di lavoro e, in caso di insufficienza delle risorse a disposizione, l’INPS non prende in considerazione ulteriori domande fornendo immediata comunicazione anche attraverso il proprio sito internet.
L’art. 14 della legge n. 68/99 prevede che il fondo regionale alimentato dalle sanzioni amministrative eroghi contributi per il rimborso forfettario parziale delle spese necessarie:

  •   All’istituzione del responsabile dell’inserimento lavorativo nei luoghi di lavoro.
  •   All’adozione di accomodamenti ragionevoli in favore dei lavoratori con riduzione della capacitàlavorativa superiore al 50%, incluso l’apprestamento di tecnologie di telelavoro o la rimozione delle barriere architettoniche che limitino in qualsiasi modo l’inclusione lavorativa;

Fonte: arte. 13 e 14 L. 68/99, Circolare INPS 99/2016